La ricerca indaga sul rapporto tra potere decisionale della Regione ed il parere dell'ISPRA nelle scelte gestionali relative alla fauna selvatica. A differenza di quanto viene tradizionalmente affermato, vale a dire che il parere dell'ISPRA è obbligatorio ma non vincolante, la ricerca evidenzia un forte grado di vincolo del suddetto parere, e ciò sia sulla base di una ricostruzione giurisprudenziale, sia in base alla rielaborazione dogmatica dei concetti di parere obbligatorio e parere vincolante, come categorie che vanno ripensate in generale alla luce della disciplina del silenzio contenuta nella legge 241/90

Amministrazione della fauna selvatica e potere decisionale della regione. Un colosso dai piedi di argilla.

MARCO OLIVI
2018-01-01

Abstract

La ricerca indaga sul rapporto tra potere decisionale della Regione ed il parere dell'ISPRA nelle scelte gestionali relative alla fauna selvatica. A differenza di quanto viene tradizionalmente affermato, vale a dire che il parere dell'ISPRA è obbligatorio ma non vincolante, la ricerca evidenzia un forte grado di vincolo del suddetto parere, e ciò sia sulla base di una ricostruzione giurisprudenziale, sia in base alla rielaborazione dogmatica dei concetti di parere obbligatorio e parere vincolante, come categorie che vanno ripensate in generale alla luce della disciplina del silenzio contenuta nella legge 241/90
9
File in questo prodotto:
File Dimensione Formato  
Amministrazione della fauna selvatica e potere decisionale della Regione_Olivi_2018.pdf

accesso aperto

Tipologia: Versione dell'editore
Licenza: Accesso libero (no vincoli)
Dimensione 6.09 MB
Formato Adobe PDF
6.09 MB Adobe PDF Visualizza/Apri

I documenti in ARCA sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/10278/3703323
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact