La presenza di Felice Giani a Rimini si sostanzia in un gruppo di disegni del 1815, alcuni dei quali inediti, conservati presso il Fondo Piancastelli della Biblioteca di Forlì e presso il Cooper Hewitt Museum. L'interesse degli artisti faentini dell'Ottocento per il tempio malatestiano trova infine suggello in alcuni disegni inediti di Antonio Liverani conservati presso la Pinacoteca di Faenza.

Il tempio malatestiano e la grafica faentina. Su alcuni disegni riminesi di Felice Giani e Antonio Liverani

GIULIO ZAVATTA
2018-01-01

Abstract

La presenza di Felice Giani a Rimini si sostanzia in un gruppo di disegni del 1815, alcuni dei quali inediti, conservati presso il Fondo Piancastelli della Biblioteca di Forlì e presso il Cooper Hewitt Museum. L'interesse degli artisti faentini dell'Ottocento per il tempio malatestiano trova infine suggello in alcuni disegni inediti di Antonio Liverani conservati presso la Pinacoteca di Faenza.
109
File in questo prodotto:
File Dimensione Formato  
RAS 109.pdf

accesso aperto

Tipologia: Documento in Post-print
Licenza: Dominio pubblico
Dimensione 3.52 MB
Formato Adobe PDF
3.52 MB Adobe PDF Visualizza/Apri

I documenti in ARCA sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/10278/3702877
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact