"Li incantesime mieje songhe fernute". L'ultimo nastro di Eduardo