Sui «Cari barbarofoni» di Il. II 867