Una poesia copernicana nella Torino di Emanuele Filiberto