«Una sensazione curiosa di realtà»: Anna Maria Ortese e il linguaggio simbolico della silloge 'In sonno e in veglia'