La linea Guittone-Monte e la nuova parola poetica