I nomi propri come “fossili-guida” nello studio filologico-linguistico di un testo: il caso della Versione K del Devisement du Monde