L'articolo presenta una riflessione sulla mutazione del ruolo del custode nei musei e nelle collezioni d'arte dal XVII secolo a oggi. Prendendo le mosse dal significato lessicale del termine italiano “custode”, l'analisi ricostruisce dalla documentazione d'archivio l'uso di questa parola attestato nel lessico storico relativamente ai musei e alle professioni a questi connesse, nella loro complessa articolazione geografica e culturale. Confrontando i regolamenti storici di musei e collezioni d'arte in diverse realtà geografiche italiane, la ricerca mette così in evidenza i profondi mutamenti associati alle funzioni e al profilo professionale dei custodi da curatori eruditi delle raccolte ad addetti alla sorveglianza delle sale.

Custodi: da curatori a guardiani. Un ruolo professionale per i musei italiani e le sue definizioni storiche

PIVA, Maria Chiara
2016

Abstract

L'articolo presenta una riflessione sulla mutazione del ruolo del custode nei musei e nelle collezioni d'arte dal XVII secolo a oggi. Prendendo le mosse dal significato lessicale del termine italiano “custode”, l'analisi ricostruisce dalla documentazione d'archivio l'uso di questa parola attestato nel lessico storico relativamente ai musei e alle professioni a questi connesse, nella loro complessa articolazione geografica e culturale. Confrontando i regolamenti storici di musei e collezioni d'arte in diverse realtà geografiche italiane, la ricerca mette così in evidenza i profondi mutamenti associati alle funzioni e al profilo professionale dei custodi da curatori eruditi delle raccolte ad addetti alla sorveglianza delle sale.
File in questo prodotto:
File Dimensione Formato  
2016 Custodi e definizioni storiche.pdf

accesso aperto

Tipologia: Versione dell'editore
Licenza: Accesso gratuito (solo visione)
Dimensione 754.46 kB
Formato Adobe PDF
754.46 kB Adobe PDF Visualizza/Apri

I documenti in ARCA sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/10278/3683173
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact