La "rettorica" del lavoro: Giovanni Gentile e Carlo Michelstaedter