Il concetto di Storia è attraversato da due realtà: gli avvenimenti passati e la narrazione delle esperienze del vissuto umano. Oltre alla concretezza del reale, dal passato ci arrivano segnali che sono rielaborati e declinati al presente in quanto rappresentazioni della passeità. Nel caso specifico dell’immigrazione italiana nel sud del Brasile, l’anno 1925 è caratterizzato da un grande processo di festeggiamento dell’italianità –i 50 anni dell’arrivo degli italiani– e una conseguente rilettura delle dinamiche che hanno segnato i primi insediamenti italici nel Brasile meridionale. Su una chiave di lettura che mette insieme politica fascista, progetto politico del Partito Repubblicano Riograndense e ascesa sociale delle élite coloniali, il processo migratorio (ovvero civilizzatore) viene raccontato dando particolare risalto all’idea di un’esperienza riuscita bene, ai pionieri che hanno portato prosperità e una morale sana ai confini meridionali del Brasile. L’album del cinquantenario della colonizzazione italiana nel Rio Grande do Sul è diventato lo spazio per eccellenza della produzione di una memoria sul processo migratorio peninsulare e il punto di partenza delle letture mnemoniche elaborate negli altri momenti di festeggiamento etnico. Le raffigurazioni del buon cattolico e della razza forte sono idee-immagini grandemente sviluppate nella narrazione commemorativa dei 50 anni dell’immigrazione e si sono costituite emblema dell’identità italiana nella pampa brasiliana.

Fra risanamento religioso e rafforzamento della razza: il processo di costruzione della memoria dell’immigrazione italiana nel sud del Brasile negli anni 1920

BENEDUZI, Luis Fernando
2015

Abstract

Il concetto di Storia è attraversato da due realtà: gli avvenimenti passati e la narrazione delle esperienze del vissuto umano. Oltre alla concretezza del reale, dal passato ci arrivano segnali che sono rielaborati e declinati al presente in quanto rappresentazioni della passeità. Nel caso specifico dell’immigrazione italiana nel sud del Brasile, l’anno 1925 è caratterizzato da un grande processo di festeggiamento dell’italianità –i 50 anni dell’arrivo degli italiani– e una conseguente rilettura delle dinamiche che hanno segnato i primi insediamenti italici nel Brasile meridionale. Su una chiave di lettura che mette insieme politica fascista, progetto politico del Partito Repubblicano Riograndense e ascesa sociale delle élite coloniali, il processo migratorio (ovvero civilizzatore) viene raccontato dando particolare risalto all’idea di un’esperienza riuscita bene, ai pionieri che hanno portato prosperità e una morale sana ai confini meridionali del Brasile. L’album del cinquantenario della colonizzazione italiana nel Rio Grande do Sul è diventato lo spazio per eccellenza della produzione di una memoria sul processo migratorio peninsulare e il punto di partenza delle letture mnemoniche elaborate negli altri momenti di festeggiamento etnico. Le raffigurazioni del buon cattolico e della razza forte sono idee-immagini grandemente sviluppate nella narrazione commemorativa dei 50 anni dell’immigrazione e si sono costituite emblema dell’identità italiana nella pampa brasiliana.
3
File in questo prodotto:
File Dimensione Formato  
Zibaldone.pdf

accesso aperto

Tipologia: Documento in Post-print
Licenza: Accesso libero (no vincoli)
Dimensione 691.98 kB
Formato Adobe PDF
691.98 kB Adobe PDF Visualizza/Apri

I documenti in ARCA sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/10278/3639959
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact