La 'venetizzazione' della storia locale