La reliquia delle parole creatrici nella dottrina di Esna