La scrittura è intesa come un sistema di segni manuali, grafici e plastici, che codificano direttamente il pensiero, quindi è intesa come una forma manuale-visiva di linguaggio, parallela alla forma vocale-uditiva (verbale) rappresentata dalla lingua. Di conseguenza il concetto di scrittura non è limitato alle forme ancillari rispetto alla lingua, cioè a quelle forme che semplicemente trascrivono il parlato. Per ritrovare le origini della scrittura bisogna rintracciare la compresenza di condizioni cognitive, capacità tecniche e bisogni sociali adeguati, tenendo presente che il segno è scritto per essere letto. Le condizioni necessarie si ritrovano nella cultura dei cacciatori e nella loro capacità di leggere i segni lasciati dagli animali. Infatti le prime forme di scrittura corrispondono a tracce. Vengono analizzate le forme paleolitiche di scrittura (le tacche, i segni e le figure); la scrittura tessile; e la scrittura contabile neolitica, prima plastica in argilla (i gettoni), poi su argilla (a pressione e incisa). Infine vengono considerate alcune continuità formali tra le scrittura paleolitiche e quelle neolitiche (le figure animali, i fori e i dischetti, i contenitori).

Antropologia della scrittura: origini e forme

SANGA, Glauco
2009-01-01

Abstract

La scrittura è intesa come un sistema di segni manuali, grafici e plastici, che codificano direttamente il pensiero, quindi è intesa come una forma manuale-visiva di linguaggio, parallela alla forma vocale-uditiva (verbale) rappresentata dalla lingua. Di conseguenza il concetto di scrittura non è limitato alle forme ancillari rispetto alla lingua, cioè a quelle forme che semplicemente trascrivono il parlato. Per ritrovare le origini della scrittura bisogna rintracciare la compresenza di condizioni cognitive, capacità tecniche e bisogni sociali adeguati, tenendo presente che il segno è scritto per essere letto. Le condizioni necessarie si ritrovano nella cultura dei cacciatori e nella loro capacità di leggere i segni lasciati dagli animali. Infatti le prime forme di scrittura corrispondono a tracce. Vengono analizzate le forme paleolitiche di scrittura (le tacche, i segni e le figure); la scrittura tessile; e la scrittura contabile neolitica, prima plastica in argilla (i gettoni), poi su argilla (a pressione e incisa). Infine vengono considerate alcune continuità formali tra le scrittura paleolitiche e quelle neolitiche (le figure animali, i fori e i dischetti, i contenitori).
Scrittura e scritture: le figure della lingua, a cura di MANCINI M., TURCHETTA B.
File in questo prodotto:
File Dimensione Formato  
Sanga, Antropologia della scrittura origini e forme.pdf

non disponibili

Tipologia: Documento in Post-print
Licenza: Accesso chiuso-personale
Dimensione 4.9 MB
Formato Adobe PDF
4.9 MB Adobe PDF   Visualizza/Apri

I documenti in ARCA sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/10278/31796
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact