Nell'opera francese fin-de-siècle il soggetto esotico risulta decisamente diffuso e caratterizzato dalla coincidenza di esotismo ed erotismo. La figura della donna orientale è decisiva e la sua morte è presentata pertanto come una "giusta" punizione. Porta a queste conclusioni l'esame delle morti in scena dei protagonisti di nove opere: Samson et Dalila, Le roi de Lahore, Hérodiade, Salammbo, Lakmé, Gwendoline, Madame Chrysantème, L'ile du reve, Thais. Le morti di queste opere vengono analizzate nella prospettiva dello spazio scenico (dove muoiono i personaggi), dell'ideologia del libretto (perché muoiono), della circostanza drammaturgica (quando muoiono) e del linguaggio musicale impiegato (come muoiono).

Uccidere il peccato: morti esotiche nell'opera francese fin de siècle

GUARNIERI, Adriana
2008

Abstract

Nell'opera francese fin-de-siècle il soggetto esotico risulta decisamente diffuso e caratterizzato dalla coincidenza di esotismo ed erotismo. La figura della donna orientale è decisiva e la sua morte è presentata pertanto come una "giusta" punizione. Porta a queste conclusioni l'esame delle morti in scena dei protagonisti di nove opere: Samson et Dalila, Le roi de Lahore, Hérodiade, Salammbo, Lakmé, Gwendoline, Madame Chrysantème, L'ile du reve, Thais. Le morti di queste opere vengono analizzate nella prospettiva dello spazio scenico (dove muoiono i personaggi), dell'ideologia del libretto (perché muoiono), della circostanza drammaturgica (quando muoiono) e del linguaggio musicale impiegato (come muoiono).
Madama Butterfly: l'orientalismo di fine secolo, l'approccio pucciniano, la ricezione
File in questo prodotto:
File Dimensione Formato  
Uccidere il peccato.pdf

accesso aperto

Tipologia: Documento in Post-print
Licenza: Accesso gratuito (solo visione)
Dimensione 3.44 MB
Formato Adobe PDF
3.44 MB Adobe PDF Visualizza/Apri

I documenti in ARCA sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/10278/29603
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact