A partire da un manoscritto russo datato 1758 rinvenuto dall’A. nella Biblioteca Marciana di Venezia, viene ricostruita la storia della traduzione russa di “Eloisa to Abelard” di Alexander Pope, attribuibile a M. Cheraskov. L’edizione critica del testo è accompagnata da un’analisi stilistica, metrica e storico-letteraria, che ne illustra l’importanza per la fase di transizione dal classicismo al sentimentalismo.

Cheraskov traduttore di Pope: un manoscritto russo a Venezia e la nascita del sentimentalismo

RIZZI, Daniela
2005

Abstract

A partire da un manoscritto russo datato 1758 rinvenuto dall’A. nella Biblioteca Marciana di Venezia, viene ricostruita la storia della traduzione russa di “Eloisa to Abelard” di Alexander Pope, attribuibile a M. Cheraskov. L’edizione critica del testo è accompagnata da un’analisi stilistica, metrica e storico-letteraria, che ne illustra l’importanza per la fase di transizione dal classicismo al sentimentalismo.
IV della serie "Archivio russo-italiano", Collana di "Europa Orientalis"
File in questo prodotto:
File Dimensione Formato  
Cheraskov traduttore di Pope.pdf

non disponibili

Tipologia: Documento in Post-print
Licenza: Accesso chiuso-personale
Dimensione 5.43 MB
Formato Adobe PDF
5.43 MB Adobe PDF   Visualizza/Apri

I documenti in ARCA sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/10278/29151
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact