Servendosi anche di recenti studi di storia sociale dell'Inghilterra '700 l'articolo analizza Moll Flanders di Daniel Defoe dal punto di vista della rappresentazione della applicazione della legge, in particolare l'identificazione e l'arresto di ladri da parte dei privati, per lo più le stesse vittime dei furti, i loro aiutanti e passanti; mette in luce come, all'interno di una narrazione in prima persona, Defoe usa tecniche 'polifoniche' per communicare i punti di vista delle vittime e della communità londinese 'per bene' insieme a quello della ladra stessa.

Popular Law Enforcement in Moll Flanders

CLEGG, Jeanne Frances
2008

Abstract

Servendosi anche di recenti studi di storia sociale dell'Inghilterra '700 l'articolo analizza Moll Flanders di Daniel Defoe dal punto di vista della rappresentazione della applicazione della legge, in particolare l'identificazione e l'arresto di ladri da parte dei privati, per lo più le stesse vittime dei furti, i loro aiutanti e passanti; mette in luce come, all'interno di una narrazione in prima persona, Defoe usa tecniche 'polifoniche' per communicare i punti di vista delle vittime e della communità londinese 'per bene' insieme a quello della ladra stessa.
21
File in questo prodotto:
File Dimensione Formato  
Clegg in Textus 2008.pdf

non disponibili

Tipologia: Documento in Post-print
Licenza: Licenza non definita
Dimensione 113.68 kB
Formato Adobe PDF
113.68 kB Adobe PDF   Visualizza/Apri

I documenti in ARCA sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/10278/26656
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact