«L'uomo, la bestia e la virtù al cinema». Il comico meridiano, il talento distratto e la diva fuori ruolo