Intervento seguito alla comunicazione del prof. P. Funke