Ambivalenza del moderno. Il principio di soggettività tra crisi e conciliazione