Attraverso l'applicazione della conoscenza archeologica di manufatti medievali, l'articolo procede alla identificazione del reale referente di un termine del Detto d'Amore pseudo-dantesco (il "crocho" di ricarica delle balestre manuali) e, conseguentemente, a una nuova lettura del passo del poemetto ove esso è attestato.

Amor m'à cinto il crocho ("Detto d'Amore", 366)

DRUSI, Riccardo
2008-01-01

Abstract

Attraverso l'applicazione della conoscenza archeologica di manufatti medievali, l'articolo procede alla identificazione del reale referente di un termine del Detto d'Amore pseudo-dantesco (il "crocho" di ricarica delle balestre manuali) e, conseguentemente, a una nuova lettura del passo del poemetto ove esso è attestato.
5
File in questo prodotto:
File Dimensione Formato  
DRUSI FILOLT crocco pdf.pdf

Open Access dal 13/12/2013

Tipologia: Documento in Post-print
Licenza: Accesso gratuito (solo visione)
Dimensione 187.6 kB
Formato Adobe PDF
187.6 kB Adobe PDF Visualizza/Apri

I documenti in ARCA sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/10278/19173
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact