Per Opico e Tirsi nell’ “Arcadia” di Jacopo Sannazaro.