Alcune osservazioni sulla punizione "ling ch'ih"