Reti neurali artificiali per lo studio di fenomeni complessi: limiti e vantaggi delle applicazioni in biostatistica