Emarginati, vagabondi e naufraghi: il circo grottesco di Haroldo Conti