La sentenza della Corte Costituzionale n. 204/04: correzione di un equivoco