Alcune osservazioni sulla valutazione di obbligazioni convertibili mediante la teoria delle opzioni