Potere, oralità e scrittura. Divagazioni sopra un’intervista