Il famelico desiderio di «babà e bignè»