Il cinema tra fantastico e evasione