Un confine post-sovietico tra l’anno e la settimana