Ancora sulla funzione dei prologhi nelle monografie di Sallustio