La razionalità del linguaggio. Conseguenze filosofiche del paradigma ermeneutico