L' ''ars dictaminis'' nel Quattrocento italiano: eclissi o persistenza?