Modulare l'elogio. Verdi e Bellini nel libro dell'Elettra