La ripresa della classicità nel Medioevo e in Dante