Lo "homo oeconomicus" e il sacro