Deux drôleries per Marcello Conati, pastiche sulle reciproche riflessioni di musicalità e poeticità