La "Repubblica di Platone" evocatrice dell'Occidente