Viezzer e le mansuetudini, quasi una fantasia