Un sonetto su Dante da restituire al napoletano Guglielmo Maramauro