Variazioni di registro in uno dei "Racconti romani" di Alberto Moravia: "La parola mamma"