Oralità e urbanistica del disprezzo. A proposito del rapporto tra zingari e città