I contributi raccolti in questo volume ruotano attorno al nesso tra “crisi” e “rivoluzione passiva” come categorie fondamentali dei Quaderni del carcere. Della prima Gramsci si serve per analizzare diversi eventi che scuotono il Novecento (dalla crisi della cultura positivistica a quella di egemonia seguita alla prima guerra mondiale, dalla crisi del socialismo a quella dello Stato liberale con la nascita e l’avvento del fascismo, alla crisi, infine, del modello di accumulazione “individualistico” con il crollo della borsa nel 1929), evidenziando come siano tutti legati all’emergere delle organizzazioni delle forze popolari quali nuove protagoniste della vita politica. Con “rivoluzione passiva” egli indica un processo di rivolgimento e trasformazione “progressivi”, che però assorbono politicamente le spinte alla frattura innescate dalle crisi e impediscono derive di tipo “giacobino”. Nell’intreccio di “crisi” e “rivoluzione passiva” si disegna un complesso dispositivo che la borghesia forgia nel secolo XIX per conquistare il potere e che ripropone nel presente per poterlo mantenere, facendo proprie alcune delle rivendicazioni del suo avversario e privandolo così della capacità di iniziativa politica.

Il concetto di cesarismo nei Quaderni del carcere

Francesca Antonini
2021-01-01

Abstract

I contributi raccolti in questo volume ruotano attorno al nesso tra “crisi” e “rivoluzione passiva” come categorie fondamentali dei Quaderni del carcere. Della prima Gramsci si serve per analizzare diversi eventi che scuotono il Novecento (dalla crisi della cultura positivistica a quella di egemonia seguita alla prima guerra mondiale, dalla crisi del socialismo a quella dello Stato liberale con la nascita e l’avvento del fascismo, alla crisi, infine, del modello di accumulazione “individualistico” con il crollo della borsa nel 1929), evidenziando come siano tutti legati all’emergere delle organizzazioni delle forze popolari quali nuove protagoniste della vita politica. Con “rivoluzione passiva” egli indica un processo di rivolgimento e trasformazione “progressivi”, che però assorbono politicamente le spinte alla frattura innescate dalle crisi e impediscono derive di tipo “giacobino”. Nell’intreccio di “crisi” e “rivoluzione passiva” si disegna un complesso dispositivo che la borghesia forgia nel secolo XIX per conquistare il potere e che ripropone nel presente per poterlo mantenere, facendo proprie alcune delle rivendicazioni del suo avversario e privandolo così della capacità di iniziativa politica.
2021
Crisi e rivoluzione passiva. Gramsci interprete del Novecento
File in questo prodotto:
File Dimensione Formato  
Antonini - Per volume GSS 2018.pdf

non disponibili

Tipologia: Documento in Pre-print
Licenza: Copyright dell'editore
Dimensione 203.03 kB
Formato Adobe PDF
203.03 kB Adobe PDF   Visualizza/Apri

I documenti in ARCA sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/10278/5026563
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact