Presente, assente o solamente probabile, il mito asburgico resta comunque sem pre latente nella ricezione dell’opera di Buzzati in forza di un sistema di rappresentazioni, allusioni e citazioni che il narratore e l’artista hanno riservato a uno spazio semantico inequivocabilmente identificabile con l’Impero e la Mitteleuropa. Tra mitografia familiare ed elementi di psicocritica, si intende tracciare una prima mappatura del problema, definendone non solo i limiti ma anche le possibilità di sviluppo interpretativo.

Buzzati e il mito asburgico nella letteratura. Alcune note per la rilevanza di un tema pregiudiziale

Scarsella, Alessandro
2022-01-01

Abstract

Presente, assente o solamente probabile, il mito asburgico resta comunque sem pre latente nella ricezione dell’opera di Buzzati in forza di un sistema di rappresentazioni, allusioni e citazioni che il narratore e l’artista hanno riservato a uno spazio semantico inequivocabilmente identificabile con l’Impero e la Mitteleuropa. Tra mitografia familiare ed elementi di psicocritica, si intende tracciare una prima mappatura del problema, definendone non solo i limiti ma anche le possibilità di sviluppo interpretativo.
Buzzati e il confine
File in questo prodotto:
File Dimensione Formato  
Scarsella Buzzati e il mito asburgico nella letteratura.pdf

non disponibili

Descrizione: pdf
Tipologia: Versione dell'editore
Licenza: Accesso chiuso-personale
Dimensione 7.58 MB
Formato Adobe PDF
7.58 MB Adobe PDF   Visualizza/Apri

I documenti in ARCA sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/10278/5011482
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact