The volume contains a selection of some of the most representative works from Rosanna Benacchio’s extensive scientific production. It is divided into three parts, the first one being dedicated to the category of verbal aspect in the Slavic languages. The second part deals with Slavic minority varieties spoken in Italy, in particular the Slovene dialects of Friuli and Molise Slavic. The third part focuses on three linguistic phenomena that are analysed from a diachronic perspective: the referential usage of the personal pronoun Vy in the Petrine era; the use of clitic pronouns in the Slavic languages; the formation of the definite article in the Slovene area based on the evidence of the Resian Catechism of the 18th century.

Il volume raccoglie una selezione di scritti di Rosanna Benacchio e pone l’accento su alcuni dei lavori più rappresentativi della sua vasta produzione scientifica. È suddiviso in tre sezioni: la prima è dedicata alla categoria dell’aspetto verbale nelle lingue slave e la seconda alle varietà linguistiche slave minoritarie presenti in territorio italiano, in particolare ai dialetti sloveni del Friuli e allo slavo molisano. La terza si concentra su tre fenomeni linguistici analizzati in prospettiva diacronica: l’uso referenziale del pronome personale Vy in epoca petrina, l’uso dei pronomi clitici nelle lingue slave, la formazione dell’articolo determinativo in area slovena a partire dalla testimonianza del Catechismo resiano del Settecento.

Studi slavistici tra linguistica, dialettologia e filologia

Donatella Possamai
;
Luisa Ruvoletto
;
2022-01-01

Abstract

Il volume raccoglie una selezione di scritti di Rosanna Benacchio e pone l’accento su alcuni dei lavori più rappresentativi della sua vasta produzione scientifica. È suddiviso in tre sezioni: la prima è dedicata alla categoria dell’aspetto verbale nelle lingue slave e la seconda alle varietà linguistiche slave minoritarie presenti in territorio italiano, in particolare ai dialetti sloveni del Friuli e allo slavo molisano. La terza si concentra su tre fenomeni linguistici analizzati in prospettiva diacronica: l’uso referenziale del pronome personale Vy in epoca petrina, l’uso dei pronomi clitici nelle lingue slave, la formazione dell’articolo determinativo in area slovena a partire dalla testimonianza del Catechismo resiano del Settecento.
File in questo prodotto:
File Dimensione Formato  
Ruvoletto_Biblioteca_SS_22.pdf

accesso aperto

Tipologia: Versione dell'editore
Licenza: Accesso libero (no vincoli)
Dimensione 456.67 kB
Formato Adobe PDF
456.67 kB Adobe PDF Visualizza/Apri

I documenti in ARCA sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/10278/5008901
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact