È il tempo dell'Ilioupersis, della caduta della città di Troia. Davanti alla città restano le donne e i bambini che non sono stati uccisi nella conquista, un rallestramento tra le macerie, ammassati sulla piana, insieme agli ori, alle armi, agli animali, perché sono buoni per il bottino, schiavi, ossia concubine e servi per sempre. Da ostentare con le ricchezze predate al ritorno. O anche merce sul mercato. Con l’attenzione a eliminare i bambini che per la loro stirpe possono seguire le tracce del valore o che devono pagare per la grandezza dei loro padri che hanno difeso la città. Astianatte è il simbolo più importante. Ma basta guardare il vaso di Mykonos per capire quello che succede. Sentiamo i pianti e le voci delle donne, sono le vittime, portano il segno della violenza e della sofferenza, sono la testimonianza dell’eccidio e della devastazione. Hanno visto con i loro occhi le cose più orribili. Hanno perduto tutto, gli sposi, i figli, i padri, la città. Tra gli uomini e la città, anzi tra le donne e la città assistiamo a una metamorfosi. Non c’è differenza tra la città e le sue donne. La città stessa è come una donna. Una donna bellissima. Stuprata, violentata, è il giorno spietato, è il δούλιον ἦμαρ, il νηλεὲς ἦμαρ anche per la città, la città devastata dalle armi, scompare la dignità, la storia, il corpo, il nome.

Ilio sacra, la città violata

Alberto Camerotto
2022

Abstract

È il tempo dell'Ilioupersis, della caduta della città di Troia. Davanti alla città restano le donne e i bambini che non sono stati uccisi nella conquista, un rallestramento tra le macerie, ammassati sulla piana, insieme agli ori, alle armi, agli animali, perché sono buoni per il bottino, schiavi, ossia concubine e servi per sempre. Da ostentare con le ricchezze predate al ritorno. O anche merce sul mercato. Con l’attenzione a eliminare i bambini che per la loro stirpe possono seguire le tracce del valore o che devono pagare per la grandezza dei loro padri che hanno difeso la città. Astianatte è il simbolo più importante. Ma basta guardare il vaso di Mykonos per capire quello che succede. Sentiamo i pianti e le voci delle donne, sono le vittime, portano il segno della violenza e della sofferenza, sono la testimonianza dell’eccidio e della devastazione. Hanno visto con i loro occhi le cose più orribili. Hanno perduto tutto, gli sposi, i figli, i padri, la città. Tra gli uomini e la città, anzi tra le donne e la città assistiamo a una metamorfosi. Non c’è differenza tra la città e le sue donne. La città stessa è come una donna. Una donna bellissima. Stuprata, violentata, è il giorno spietato, è il δούλιον ἦμαρ, il νηλεὲς ἦμαρ anche per la città, la città devastata dalle armi, scompare la dignità, la storia, il corpo, il nome.
Il grido di Andromaca. Voci di donne contro la guerra
File in questo prodotto:
File Dimensione Formato  
CAMEROTTO2022ILGRIDODIANDROMACA.pdf

non disponibili

Descrizione: articolo, con frontespizio, indice e premessa del volume
Tipologia: Versione dell'editore
Licenza: Accesso chiuso-personale
Dimensione 774 kB
Formato Adobe PDF
774 kB Adobe PDF   Visualizza/Apri

I documenti in ARCA sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/10278/5006501
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact