Composto a Bisanzio dopo lunga gestazione fra 1176 e 1177, il De sancto et immortali Deo del pisano Ugo Eteriano è opera estremamente complessa. In essa l'autore confuta la penumatologia orientale sostenendo con energia la spirazione ab utroque secondo la dottrina tradizionale latina. Nel corso dell'argomentazione verranno citati a piene mani, e, cosa assai particolare, direttamente dal greco, non solo i testi dei polemisti ortodossi, ma anche le opere della filosofia antica come Platone Aristotele Plotino Proclo. Pubblicato adesso in prima edizione critica, il De sancto si presenta come un testo che aiuterà a capire molto del pensiero del XII secolo.

Hugonis Eteriani Epistolae, De sancto et immortali Deo, Compendiosa Expositio, Fragmenta Graeca quae extant

Pietro Podolak
2020

Abstract

Composto a Bisanzio dopo lunga gestazione fra 1176 e 1177, il De sancto et immortali Deo del pisano Ugo Eteriano è opera estremamente complessa. In essa l'autore confuta la penumatologia orientale sostenendo con energia la spirazione ab utroque secondo la dottrina tradizionale latina. Nel corso dell'argomentazione verranno citati a piene mani, e, cosa assai particolare, direttamente dal greco, non solo i testi dei polemisti ortodossi, ma anche le opere della filosofia antica come Platone Aristotele Plotino Proclo. Pubblicato adesso in prima edizione critica, il De sancto si presenta come un testo che aiuterà a capire molto del pensiero del XII secolo.
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in ARCA sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/10278/5004400
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact