Il contributo prende in esame le motodologie e le tecniche di approccio al patrimonio archeologico, tenendo conto dei cambiamenti epistemologici della disciplina. Portando esempi concreti, si analizza la loro applicabilità nell'ambito della recente legge sull'archeologia preventiva.

Prevenire è meglio che curare. Dalle “cose” ai “beni”, dalle “scoperte fortuite” ai “contesti” nell’archeologia italiana del secondo dopoguerra

Sauro Gelichi
2022

Abstract

Il contributo prende in esame le motodologie e le tecniche di approccio al patrimonio archeologico, tenendo conto dei cambiamenti epistemologici della disciplina. Portando esempi concreti, si analizza la loro applicabilità nell'ambito della recente legge sull'archeologia preventiva.
L’archeologia preventiva nel quadro del recovery plan
File in questo prodotto:
File Dimensione Formato  
04-Gelichi.pdf

accesso aperto

Tipologia: Versione dell'editore
Licenza: Accesso gratuito (solo visione)
Dimensione 3.32 MB
Formato Adobe PDF
3.32 MB Adobe PDF Visualizza/Apri

I documenti in ARCA sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/10278/5004253
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact