Anticipare il niente. Intorno alla lettura severiniana di Gentile